Sabato, 12 Ottobre 2019 00:00

SEZIONE MAESTRA VICTORY

Tra un galeone e un vascello, tra i pennoni della Victory e le sartie della Sovrana dei Mari, mi è venuto lo "sfizio" di costruire una SEZIONE.
Cosè una SEZIONE?
La Sezione è una... fetta di nave; una fetta che mostra l'interno nei minimi dettagli. asseconda di dove tagliamo la fetta, c'è la Sezione di Prua (la parte anteriore della nave), la Sezione Maestra (la parte centrale della nave) e la Sezione di Poppa (la parte posteriore, ma meno gestita).

Pubblicato in I MODELLI
Sabato, 12 Ottobre 2019 00:00

HMS VICTORY 1765

La HMS Victory è stata la mia seconda nave ad essere realizzata e la prima di una certa difficoltà. Tra questa e la Constitution vi sono due Santa Maria (la Caravella) e un Albatros, costruito da scatola di montaggio e regalati. L'ho cominciata nel 1991 e terminata il 16 agosto del 2016. L'ho dedicata a mia moglie Rosaria, perché è grazie a lei che ho ripreso questo hobby abbandonato da molti anni.
La sua realizzazione è durata ben 25 anni. Non perché fosse così complicato costruirla, ma per un'interruzione di appunto 24 anni. Ho realizzato l'intero scafo, compreso il primo fasciame (utilizzo sempre il doppio fasciame), poi la mia vita ha preso strade che non mi hanno consentito di continuare, un po' per il tempo, un po' per la mancanza di voglia.
Lo scafo della Victory mi ha seguito in tutti i miei spostamenti e, nel 2015, dopo alcuni tentativi negli anni precedenti, ho deciso di riprendere la costruzione.

Pubblicato in I MODELLI
Lunedì, 07 Ottobre 2019 00:00

Perché il Blog

Mi chiamo Silvio Falcone e sono un consulente informatico. Tra i miei tanti hobbies c'è il Modellismo Navale Statico. Ho cominciato molti anni fa (non sono giovanissimo) grazie a un collega di lavoro che mi convinse a fare qualcosa che fino a quel momento non avrei mai creduto di essere capace di fare: il modellista, addirittura il modellista navale. Mi elencò gli attrezzi che avrei dovuto comprare, mi regalò i Piani di Costruzione della Constitution e mi riempì di consigli e indicazioni fino alla realizzazione della nave. Era il lontano 1991. Realizzai la Constitution appunto, poi cominciai a realizzare la HMS Victory, ma la mia vita ha seguito strade diverse e sono stato fermo, per quanto riguarda questo hobby, per più di vent'anni. Ho infatti ripreso nel 2015 completando la HMS Victory il 16 agosto del 2016 e non ho più interrotto fino ad oggi. Ciò che ho realizzato potete vederlo nella pagine di questo Blog.

Ho sempre lavorato con Piani di Costruzione, disdegnando le scatole di montaggio: mi piace realizzare tutto a partire dal disegno e dalla mia ingegnosità. Ho realizzato due volte la Santa Maria e una volta l'Albatros, da scatole di montaggio, ma l'ho fatto per dei regali che avevo promesso e di cui ho perso completamente traccia.

L'ultima nave che ho realizzato è la San Felipe, terminata il mese scorso e sto cominciando la Soleil Royal. Questi due modelli hanno una particolarità rispetto agli altri, una particolarità che è anche una delle cause per le quali ho deciso di aprire questo blog: l'utilizzo di Stampante 3D per realizzare pezzi e decorazioni da inserire su di essi.
Molti, modellisti e non, hanno contestato questa mia scelta dicendo che la Stampante 3D produce pezzi che invece dovrei realizzare manualmente, accusandomi di utlizzare un mezzo che svilisce il "manufatto" e che quindi fa perdere valore a ciò che produco con mesi di lavoro certosino.

Ovviamente io non sono d'accordo. I pezzi di metallo che noi modellisti utilizziamo (cannoni, ancore, fregi, cornicette, ecc.) li acquistiamo e spesso sono molto cari; solo in pochi, i più bravi e ortodossi, li realizzano in proprio dotandosi di attrezzature opportune. Utilizzando la Stampante 3D io, invece, li realizzo a partire da disegni creati da me. Eh, sì, la Stampante 3D non inventa gli oggetti e li produce. Bisogna disegnarli con apposito software (io uso FreeCad) avendo a disposizione solo figure geometriche tridimensionali (cubo, sfera, cilindro, cono, ...) e utilizzando molta pazienza e molto tempo. Ritengo quindi che i pezzi, prodotti in plastica e opportunamente verniciati, mantengano la caratteristica di "manufatti" per come nascono e come sono progettati. Lo sono certamente molto di più rispetto a oggettini realizzati in serie da Aziende specializzate, comprati in bustine e incollati in bella vista sui modelli.
Tanto sono convinto di quello che dico, che sto pensando di riprendere i modelli già realizzati e sostituire i componenti acquistati con pezzi disegnati da me e stampati in 3D.
I risultati sono esaltanti e decisamente soddisfacenti, oltre che divertenti da ottenere.

Pubblicato in BLOG